GUIDA: TIM Protect, protezione online per i tuoi figli

Inserito da

Se avete dei figli adolescenti, presto o tardi vi troverete a dover scegliere: Smartphone SI o Smartphone NO? Io non sono padre, ma se lo fossi, sarei preoccupato. Articoli di giornale come quello a fianco, sono sempre più frequenti. Personalmente io sceglierei Smartphone SI, MA con un po’ di accorgimenti.

Non si tratta di fare del terrorismo psicologico, ma è necessario sensibilizzare correttamente i genitori su questo tema, affinchè abbiano gli strumenti per educare e seguire al meglio i propri figli anche in questa era tecnologica.

Voglio quindi parlarvi di TIM Protect, una App che permette, tra le altre cose, il controllo genitori per lo smartphone dei propri figli. L’App ha diverse funzioni, quali antivirus, antifishing, geolocalizzazione remota ecc….ma quello di cui oggi voglio occuparmi in particolare è il Controllo Genitori. Innanzi tutto quanto costa? Partiamo col dire che su tutte le SIM della famiglia TIM JUNIOR, il canone dell’App è gratuito! Per le altre SIM, potete scegliere tra:

  • 0.99 euro al mese per 1 licenza (con il primo mese free)
  • 9.00 euro all’anno per 1 licenza
  • 2.90 euro al mese per 3 licenze (con i primi due mesi free)

L’installazione può NON essere semplice. Io stesso ho faticato un po’ per riuscire ad attivare l’App. Per prima cosa bisogna acquistare il servizio (oppure avere una SIM Junior con servizio Protect incluso). Una volta acquistato il servizio, si riceverà un primo messaggio di benvenuto. Solo diverse ore dopo si riceverà il secondo messaggio. Questo è il più importante, in quanto contiene sia il link per il download dell’app, che le credenziali di accesso.

Una volta scaricata l’app, potrete eseguire l’accesso. Il nome utente non è altro che il numero di telefono su cui avete acquistato il servizio, la password invece è quella arrivata via SMS. Al primo accesso, l’app vi chiederà di cambiare password, potrete quindi inserirne una di vostra scelta. Mi raccomando, non perdetela 🙂




La prima cosa da fare è impostare un profilo per il figlio, è tutto guidato passo per passo. Prima di tutto potrete scegliere una fascia d’età, in questo modo l’app applicherà delle preimpostazioni suggerite. Subito dopo potrete impostare le regole per le App installate nel telefono (settare un limite di tempo massimo giornaliero o abilitare il blocco totale). Non preoccupatevi di impostare correttamente tutto subito, potrete sempre apportare le dovute correzioni in un secondo momento. Nella terza pagina si accede ai “Limiti di Tempo“, la parte in cui potrete abilitare un limite temporale massimo giornaliero all’uso del telefono (il limite massimo non influisce sulle chiamate, quindi vostro figlio potrà sempre chiamarvi, anche se il tempo d’uso per quel giorno è terminato). Potrete impostare un limite diversificato per il weekend. E’ infine possibile impostare l’orario in cui andare a dormire, un orario limite oltre il quale TIM Protect impedirà l’uso del telefono. Nella schermata successiva si accede al Filtraggio dei Contenuti. Qui potrete impostare quali contenuti vostro figlio potrà visiornare nel web e quali no, ad es. potete bloccare pornografia, armi, droghe….ecc. (ho fatto la prova su due telefoni, sul primo avevo TIM Protect mentre sul secondo non avevo nessuna protezione. Cercando parole volgari su google, sul telefono protetto da TIM Protect, non solo non si aprivano i siti vietati, ma anche le stesse ricerche di Google, venivano eliminate e mostrate solo quelle adatte).

(vi lascio con una serie di screenshot che ho catturato durante il setup dell’app sul mio telefono, cliccare per ingrandire)

Ok siete pronti per dare il telefono a vostro figlio, ma non preoccupatevi, da adesso in poi, potrete sempre accedere alle impostazioni di TIM Protect direttamente dal sito web dedicato: https://protect.tim.it/fsp

Una volta entrati, avete 3 Bottoni in basso, Finder, Regole della Famiglia e Impostazioni.

  • Su Finder potrete svolgere alcune operazioni, tra cui localizzare il telefono (dov’è mio figlio? dov’è stato smarrito/rubato il telefono di mio figlio?). Da qui potrete anche bloccare il telefono e cancellarne il contenuto
  • Su Regole della Famiglia, potrete rivisitare tutte le impostazioni che abbiamo visto prima nel’app, nel caso in cui preferiate fare delle modifiche
  • Su Impostazioni, possiamo semplicemente cambiare nome al dispositivo di ns figlio, per es: Cellulare di Jessica (io ho lasciato il nome del telefono LG G3)

(vi lascio con una serie di screenshot, cliccare per ingrandire)

Note conclusive

Questo breve articolo non vuole essere una guida esaustiva al mondo del Controllo Genitori. Volevo solo sensibilizzare i genitori che magari hanno sottovalutato i pericoli che dare un telefono in mano ad un adolescente comporta. Spero quindi che non vi fermiate qui, che questo articolo vi stimoli a cercare e studiare come stare al passo con la tecnologia, che i vostri figli masticano quotidianamente. Alcune considerazioni finali:

  • TIM Protect non permette di bloccare parzialmente un’App. Quindi o lasciate libero accesso all’app in questione oppure la bloccate del tutto. Non è possibile quindi, tanto per fare un esempio, lasciare libero accesso a YouTube, ma impedire la riproduzione di contenuti non adatti (TIM Protect non è in grado di capire quale video violi le condizioni imposte dal genitore). A questo proposito Google sta lavorando a una versione destinata ai minori, YouTube Kids, che purtroppo non è ancora disponibile per l’Italia. Per chi usa android, è possibile scaricare l’APK su questa pagina.
  • E’ utile ricordare che secondo il Regolamento Europeo in materia di Protezione dei Dati Personali (GDPR) il limite d’età minimo per usare i solcial network e le app di chatting è statto portato a 16 anni. (in altre parole la UE reputa queste app inadatte agli under 16)
  • Potete scaricare una guida completa a TIM Protect su questa pagina.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Posts

Sto caricando…